31/01/14

Liberiamo una ricetta: torta arancia, pistacchio e cardamomo con frosting al mascarpone


Anche quest'anno è arrivato il 31 gennaio e con lui la nuova edizione di "Liberiamo una ricetta"...una giornata dedicata al dare invece che al ricevere, che so già sarà un successo come le precedenti.
Qui potete trovare tutte le info, sia riguardo alla partecipazione che al risvolto "tangibile" di questa giornata, a favore delle famiglie rifugiate del Centro Astalli a Roma. 
Io quest'anno vi regalo una ricetta che ho "inventato"(si inventa nulla in cucina? non è il mio caso, credo!) per festeggiare il mio compleanno dopo averne assaggiata una simile in una bakery deliziosa di Londra. Mi sono innamorata di questi sapori freschi e delicati ( ed in piu' io ho una passione viscerale per il pistacchio, lo sapete?)
Vi lascio alla ricetta, spero che vi piaccia e vi faccia venire voglia di donarne una delle vostre alla rete, per farla veleggiare libera!

Torta arancia, pistacchio e cardamomo con frosting al mascarpone

Ingredienti per una torta di 20 cm di diametro:

per la base:
200 g di zucchero
240 g di farina
125 ml di olio di girasole ( o altro olio vegetale)
3 uova
la scorza di 2 arance bio 
30 g di pistacchi tritati
cardamomo in polvere 1/2 cucchiaino
1 busta di lievito in polvere per dolci
pizzico di sale
125 g di yogurt bianco

per lo sciroppo:
200 ml di acqua
60 g di zucchero
cardamomo in polvere 1/2 cucchiaino
succo di 1/2 arancia

per il frosting:
250 g di mascarpone
200 g di formaggio spalmabile
125 g di zucchero a velo
300 ml di panna da montare
scorza di 1 arancia bio
40 g di pistacchi tritati

Procedimento: 
preriscaldiamo il forno a 170° ed ricopriamo di carta forno 2 teglie di 20 cm di diametro (io ne ho una molto alta e una piu' bassa, quindi ho suddiviso l'impasto in 2/3 e 1/3. Se avete 3 teglie, potete cuocere direttamente i 3 strati di torta).
Nel mixer mettiamo tutti gli ingredienti per la base tranne i pistacchi. Facciamo lavorare un paio di minuti fino ad avere un impasto liscio ed aggiungiamo i pistacchi. Distribuiamo la torta nelle teglie (alla fine faremo 3 strati, una volta cotta) e infornate per 30-40 minuti (io ho lasciato quella con piu' impasto piu' a lungo, ovviamente. la prova stecchino conferma sempre la cottura, ma solitamente almeno un 5 minuti in piu' della tortiera piu' bassa). 
Mentre le basi cuociono, mettiamo gli ingredienti per lo sciroppo in un pentolino e facciamo sciogliere dolcemente fino ad ottenere un liquido chiaro ed ambrato. 
Sforniamo il dolce e lasciamolo raffreddare completamente, cosi' come lo sciroppo. Tagliamo le basi per ottenere un totale di 3 strati. 
Nel frattempo, prepariamo il frosting: mescoliamo i formaggi con lo zucchero a velo e la scorza d'arancia, montiamo la panna ed uniamola delicatamente al composto. 
Ora possiamo comporre il dolce: mettiamo il primo strato di torta, bagniamo generosamente con lo sciroppo (ma senza esagerare, il frosting rilascerà umidità alla torta) e poi distribuiamo qualche cucchiaiata di crema ai formaggi, ricoprendo poi con la granella di pistacchi. 
Ripetiamo un'altra volta ed infine mettiamo l'ultimo strato di base. 
Ora ricopriamo, con l'uso di una spatolina, i bordi della torta e la parte superiore. Distribuiamo i restanti pistacchi e mettiamo in frigo fino al momento di servirla. 

A noi è piaciuta tantissimo, come sempre in questi casi, meglio ancora il giorno dopo...ma ci sono buone probabilità con non ci arrivi!!!


“Le storie sono per chi le ascolta, le ricette per chi le mangia. Questa ricetta la regalo a chi legge. Non è di mia proprietà, è solo parte della mia quotidianità: per questo la lascio liberamente andare per il web”

29/01/14

Cars....non tramonta mai!



Scusate l'assenza prolungata...sono rientrata pochi giorni fa da un breve viaggio a Londra, la città che ormai è "casa" per me ed in cui amo ritornare. Stavolta, complice il fatto di essere andati senza bimbi, abbiamo assaggiato cucine etniche di tutti i tipi e, ovviamente, dolci favolosi che mi sono ripromessa di rifare appena avrò tempo (ed infatti mi sono "regalata" per il mio compleanno una torta molto British che sarà l'oggetto del prossimo post!). 
Ma tornando a noi, qualche tempo fa ho preparato questa torta per il piccolo Aaron, un bimbo di 3 anni che adora Cars...per me è stato come fare un salto indietro di qualche anno, quando in casa giravano solo Saetta e Cricchetto a tutte le ore! Ora siamo passati ad altro, ma Cars avrà sempre un posticino nel mio cuore!
La base era una torta margherita con ganache al cioccolato, mentre copertura e decorazioni erano tutte in pasta di zucchero (la foto è sfocata, purtroppo nella fretta non ho usato il cavalletto!).

A presto!

22/01/14

Brooklyn Blackout cake....per quando il cioccolato é LA risposta!



Questa torta supercioccolatosa in realtà al suo interno ha solo cacao (di quello buono buono però)...ma è la risposta a quella richiesta di "coccole" extra che una buona fetta di torta puo' darci. 
Io me ne sono innamorata, perchè è dolce al punto giusto ma non stucchevole, ricca ma senza esagerare. La ricetta è tratta dal libro "the Hummingbird Bakery Cookbook"( che già di per sè è una garanzia), in piu' la crema è senza latte e senza uova (ha una dose di burro che secondo me si puo' anche omettere, o eventualmente sostituire). Provatela, non ne resterà una briciola! Le dosi per la crema sono molto abbondanti (io ne ho usata poco piu' di metà), ma se anche doveste avanzarne potete gustarvela come dessert al cucchiaio...favolosa!

Brooklyn Blackout Cake

per la base:
100 g di burro a temperatura ambiente
260 g di zucchero
2 uova grandi
1/4 di cucchiaino di estratto di vaniglia (o i semi di una 1/2 bacca)
45 g di cacao in polvere di ottima qualità 
3/4 di cucchiaino d bicarbonato di sodio
3/4 di cucchiaino di lievito in polvere per dolci
un pizzico di sale
170 g di farina 00
160 ml di latte intero

per la crema 
500 g di zucchero 
600 ml  +180-200 ml di acqua
1 cucchiaio di glucosio o miele
125 g di cacao in polvere
200 di amido di mais
85 di burro
1/2 cucchiaino di estratto di vaniglia

tre tortiere da 20 cm di diametro (io ho usato quelle usa e getta di carta)

Procedimento:

preriscalda il forno a 170° e rivesti di carta forno le 3 tortiere.

Nel mixer lavoro il burro a pomata, aggiungi lo zucchero e lascia gonfiare con le fruste sempre in movimento. Aggiungi un uovo alla volta, mescolando bene e togliendo i residui dalla ciotola. 
A velocità più ridotta aggiungi vaniglia, il cacao, il bicarbonato , il lievito e il sale e mescola fino a completo assorbimento. 
Aggiungi metà farina, una volta incorporata tutto il latte e di nuovo la restante farina. 
Versa il composto nei tre stampi e cuoci in forno per 25-30 minuti fino a completa cottura (secondo me è fattibile anche usare una sola tortiera, ovviamente aumentando i tempi).
Una volta cotte, sforma e lascia raffreddare completamente. 

Mentre la torta cuoce, prepara la crema. 
In una pentola unisci 600 ml di acqua, cacao, zucchero e glucosio/miele e porta a bollore mescolando bene per sciogliere tutti i grumi. A parte mescola l'amido con la restante acqua, unisci allo sciroppo di cacao mescolando continuamente e cuoci a bassa temperatura per circa 7 minuti (la crema deve prendere corpo e rassodarsi). Unisci il burro e vaniglia  mescola per farli assorbire. Lascia raffreddare completamente la crema (meglio se in frigo).

Prendi una delle basi e taglia uno strato sottile di torta (nel caso la torta non fosse venuta perfettamente livellata puoi approfittare per togliere eventuali imperfezioni) e passa le briciola al mixer fino ad ottenere una polvere non troppo fine. 

Monta il dolce: metti uno strato di base, compri con un generoso strato di crema e ripeti (base+ crema) e termina con l'ultima base. Lascia indurire in frigo per qualche minuti e poi ricopri generosamente sia i bordi che la superficie della torta.  Distribuisci le briciole di torta su tutto il dolce e mantieni in frigo fino a quando sarò consumata. 
E' buona appena fatta...ma ottima il giorno dopo!






 

Blog Template by BloggerCandy.com